mercoledì 27 marzo 2013

Il Don Giovanni di Filippo Timi è Pop

Reinterpretare i grandi classici è sempre un grande rischio. Tanti illustri artisti sono caduti nella trappola della volontà di rinnovamento, partorendo opere teatrali incomprensibili. Filippo Timi non conosce questo rischio: il suo Don Giovanni è travolgente. In scena al Teatro Franco Parenti di Milano, il suo spettacolo è stato stupefacente. Una reinterpretazione post-moderna de "Il Don Giovanni" mozartiano. L'opera dedicata all'impenitente seduttore viene rivista in chiave popolare. Costumi, scenografia, luci e musiche: tutto perfetto.



Dissacrante come sempre (con un angelo nudo ed un bacio tra Ludovico e Leporello), l'attore umbro regala al pubblico uno spettacolo unico. La sua poliedricità è supportata da un cast di attori eccezionali: Zerlina, Leporello, Ludovico e Donna Anna spiccano tra gli altri. Un Don Giovanni che ruba una miriade di sorrisi e risate nella sala. I costumi in latex, le canzoni di Baglioni e dei Queen, le pareti d'oro trapuntate dipingono uno scenario Anni'80. Nulla è lasciato al caso per un'opera Pop indimenticabile. Le capacità interpretative di Filippo Timi impreziosiscono il palco, regalando momenti unici alla platea. Uno spettacolo interattivo con gli attori che vanno tra il pubblico: Timi bacia addirittura una ragazza in prima fila. Un nuovo modo di far teatro, sempre di altissimo livello.



Nessun commento:

Posta un commento